Posted by on gen 15, 2021 in Cartellini MIRA, Main, Mira | 0 comments

CLASSE:
Rose botaniche e loro ibridi

SPECIE:  
Rosa canina L.

NOMI COMUNI:
Rosa di macchia, Rosa selvatica

ANNO:
molto antica (a.C.)

LUOGO:
Europa, Nordafrica, Asia occ.

DESCRITTA DA:
C. Linnaeus, 1753

La Rosa canina è la rosa più comune che si incontra allo stato selvatico nella maggior parte dell’Europa e nelle regioni temperate dell’Asia, suoi luoghi di origine, da dove si è poi diffusa e naturalizzata anche in varie zone dell’America, in Australia e in Nuova Zelanda.

Forma un arbusto ampio, alto fino a 3 metri e vicino ad altre piante tende ad assumere un portamento rampicante. I suoi fiori sono solitari o in gruppi di due o tre; sono rosa chiaro o bianchi e delicatamente profumati.

Deve il suo nome specifico a Plinio il Vecchio che glielo attribuì dopo che un soldato romano guarì dalla rabbia con un decotto di radici di questa rosa.

La Rosa canina ha avuto un ruolo importante nella fornitura di vitamina C ai bambini britannici durante la Seconda Guerra Mondiale quando i suoi frutti, detti “arance del nord”, venivano usati in sostituzione degli agrumi, allora difficili da reperire. Sia in Gran Bretagna che negli stati Uniti esemplari di questa rosa venivano coltivati nei Victory Gardens (giardini della vittoria), chiamati anche orti di guerra o orti per la difesa, realizzati in residenze private e parchi pubblici, per sopperire alle necessità di frutta e verdura; anche Eleanor Roosvelt diede il buon esempio e ne fece uno proprio alla Casa Bianca. Questi Victory Gardens contribuirono in qualche modo a diffondere la Rosa canina negli Stati Uniti.

Ed infine, ecco un utile link per un approfondimento botanico https://www.floraitaliae.actaplantarum.org/viewtopic.php?f=95&t=21022